Incidente Boccea, Servono controlli e certezza della pena

28 Maggio 2015
Commenti: 0
28 Maggio 2015, Commenti: 0

“Roma è da sempre una città accogliente e tollerante lo ha dimostrato in più di una occasione. Quello che non si può e non si deve tollerare è la delinquenza scellerata, a prescindere dalla nazionalità o dall’etnia. Chi vuole rimanere in Italia è il benvenuto ma deve avere rispetto per il Paese che lo ospita e vivere nella legalità” lo ha dichiarato Svetlana Celli (L. Marino) consigliere comunale di Roma Capitale.

“Il grido di esasperazione di un quartiere sotto shock – continua – a seguito di un episodio di folle criminalità che ha scosso profondamente tutti i romani, dimostra come insicurezza e degrado siano problemi pressanti per i cittadini che si sentono abbandonati dello Stato. Lasciando da parte le basse polemiche dei populisti di turno, quello che occorre con urgenza è un’azione coordinata tra le  istituzioni – Prefettura, questura, Comune – per rispondere alle preoccupazioni dei cittadini”.

“In questo senso – conclude – la prevenzione deve essere il vero punto forte di questa strategia, attraverso controlli a tappeto, dentro e fuori i campi rom. Questi ultimi dovranno essere sempre più ridotti al fine di regolarizzare tutti gli occupanti, garantendo un efficace contrasto alle situazioni di illegalità che con l’attuale sistema trovano terreno fertile. Oltre a ciò è necessario che nel nostro Paese ci sia una reale certezza della pena per cui chi – italiano o straniero – si rende responsabile di episodi criminali sia perseguito e paghi realmente per quanto ha fatto”.

Lascia un commento