Palestre scolastiche, Municipi costretti a usare vecchio regolamento

6 Settembre 2015
Commenti: 0
6 Settembre 2015, Commenti: 0

L’Assemblea Capitolina ancora non ha discusso il nuovo Regolamento dei Centri sportivi municipali. La mancata approvazione del regolamento ha costretto molti Municipi a ritardare l’emanazione del bando per le assegnazioni triennali delle palestre scolastiche. Di conseguenza, i Municipi hanno dovuto avviare le procedure utilizzando il vecchio testo, che però consentirà l’inserimento delle associazioni nelle palestre solo ad Ottobre, ad anno scolastico ormai iniziato”, lo ha dichiarato Svetlana Celli, presidente della Commissione Personale, Statuto e sport di Roma Capitale.

“Il nuovo Regolamento, depositato ormai da diversi mesi, è frutto di oltre un anno e mezzo di proficuo confronto e concertazione con i presidenti e i delegati allo sport dei Municipi, con il mondo dell’associazionismo sportivo e degli enti di promozione. Credo che la politica continui a sottovalutare l’alto valore sociale, formativo e di prevenzione sanitaria rappresentato dall’accesso alla pratica sportiva. Si tratta di un errore che poteva e doveva essere evitato, perché penalizza le migliaia di persone che operano nel campo dello sport e si impegnano quotidianamente per offrire un servizio essenziale ai romani”.

“L’amministrazione capitolina dovrebbe iniziare a dimostrare, con i fatti, che lo sport non è solo taglio di nastri e cerimonie di premiazione ma rappresenta un tassello importante del welfare cittadino, a livello di servizi, di opportunità lavorativa, di occasioni di aggregazione per giovani e anziani, di possibilità sviluppo e recupero di aree che saranno a disposizione della collettività. Lo sport deve tornare ad essere considerato un settore chiave su cui investire, piuttosto che una spesa superflua da tagliare”.

Lascia un commento