Torre Maura: "Raggi non scarichi colpe. E' suo fallimento"

4 Aprile 2019
4 Aprile 2019, Commenti: 0

Raggi rimuove la dirigente capitolina e lascia al suo posto la consulente esterna. A guidare l’Ufficio rom, voluto dalla sindaca ormai due anni fa e posto direttamente sotto il suo controllo, resta una consulente esterna nominata dalla Giunta Raggi per raggiungere gli obiettivi di un piano per l’inclusione e l’integrazione delle popolazioni Rom, Sinti e Caminanti e superare i campi. Quel piano oggi e’ lettera morta. Per la sindaca e’ piu’ facile guardare il dito che la luna. Mai che si assuma le responsabilita’ dei fallimenti, la colpa e’ sempre di qualcun altro. Mentre a Torre Maura, ad aver fallito e’ un ufficio che risponde a lei, direttamente“. Cosi’ in un comunicato Svetlana Celle capogruppo in Campidoglio della Lista Civica Roma
“Siamo stanchi di capri espiatori. Raggi faccia la sindaca, ascolti i cittadini ed eviti che la delusione e la solitudine si trasformino in rabbia. Anche per questo ho chiesto un Consiglio straordinario sulle periferie. Non basta denunciare azioni e atti che fomentano l’odio razzista, per quello c’e’ il lavoro egregio di giudici e inquirenti. Dalla Sindaca della Capitale ci aspettiamo molto di piu’: ascolto dei territori, ripristino e controllo del rispetto delle regole, che devono essere valide per tutti, piani e spostamenti condivisi con i cittadini e l’ente di prossimita’, controllo dell’obbligo scolastico, controlli sanitari e superamento vero dei campi. L’integrazione non si realizza se saltano le regole e se le istituzioni sono deboli”.

Lascia un commento